Yoga in GraviDanza

Una Gravidanza in Armonia per riscoprire che ogni Donna è già spontaneamente Madre

L’associazione di promozione sociale e culturale SATYASVARA di Yoga, a San benedetto del Tronto, organizza il corso di Yoga in GraviDanza, che offre la possibilità a mamme e papà di vivere a pieno il periodo della gravidanza e l’evento della nascita con serenità e consapevolezza.

Il corso ha come obiettivo principale quello di riportare la donna al contatto con se stessa per riscoprire così che è già una perfetta madre, in armonia con la Natura, in grado di capire sempre cosa fa sentire bene lei e il proprio bambino, e accompagnare l’uomo ad una maggiore consapevolezza di quanto sia importante la sua presenza e il suo ruolo di sostegno per il benessere del nuovo nucleo familiare, nonché accompagnare con ascolto e professionalità la coppia verso uno degli eventi più importanti della loro vita.

Lo yoga dal canto suo, praticato frequentemente, offre la possibilità di vivere una gravidanza in salute e un parto senza dolori, sviluppando i muscoli (con particolare attenzione alla salute della schiena, alla mobilità del bacino e al rafforzamento delle spalle), imparando a rilassare il corpo, la mente e le emozioni e a gestire al meglio la respirazione durante il travaglio e il parto. Lo yoga è un metodo millenario che porta unione, equilibrio e armonia tra corpo, mente e cuore. Migliorando il benessere generale della donna migliora profondamente anche il benessere del bambino che sta crescendo in lei.

http://www.benessere360.com/Yoga_in_gravidanza.html

La lezione prevede una ricca sessione di pratica in cui vengono eseguite:

  • posture dell’hatha yoga con particolare attenzione alle esigenze del corpo in gravidanza,

  • esercizi di riscaldamento per il benessere della colonna vertebrale e del bacino,

  • esercizi di respirazione (pranayama),

  • esercizi per il pavimento pelvico,

  • rilassamento yogico completo (shavasana/yoga nidra) e brevi visualizzazioni rilassanti.

In più sono previsti momenti di approfondimento teorico, vengono infatti presentati dalla prospettiva della tradizione yoga alcuni aspetti riguardanti:

  • l’importanza del pensiero e come intervenire beneficamente su di esso; la memoria dell’acqua ricordando che i bambini in arrivo sono completamente immersi nell’elemento liquido;
  • l’uso cosciente delle energie sessuali per un parto senza dolori; la correlazione tra l’utilizzo della voce, la bocca e gli sfinteri genitali;
  • i 5 involucri sottili energetici (kosha) e la loro implicazione nello sviluppo neonatale del bambino;
  • l’importanza della pulizia dei nostri pensieri oltre che del nostro corpo e l’armonizzazione degli ambienti.
  • genitorialità consapevole e ad alto contatto per un approccio educativo armonioso e amorevolmente incondizionato (l’insegnate yoga è anche educatrice/pedagogista).

Il corso prevede una lezione a settimana di pratica di yoga per un totale di 12 incontri di 2 ore ciascuno. Agli incontri di yoga partecipano le mamme (ma anche i papà se hanno voglia di praticare)! Ci si può iscrivere in ogni momento dell’anno. È consigliato praticare dalla dodicesima settimana, vengono comunque accolte anche coppie nei mesi più avanzati e si può frequentare fino al termine della gravidanza.

Ecco come una donna racconta la sua esperienza di parto: Una nascita simile è tutta spontaneità, non si può imparare né insegnare. Non è qualcosa che si possa appiccicare, incollare su una vita, nella quale più nulla è al suo posto. Tuttavia sono necessarie ben poche cose! Che il cammino sia libero, il corpo in buona salute. Uno spirito attento, avido di seguire, di fare l’esperienza. Un’apertura totale. Quando lo Yoga ha risvegliato nel corpo questa intelligenza essenziale, questa intuizione fondamentale, essa guiderà la donna nel corso della gravidanza. E mai la donna si sarà sentita così vicina alle radici, alla sorgente del suo essere”.

Praticare yoga e intraprendere dei percorsi di consapevolezza e scoperta equivale a prendersi un tempo speciale NON per imparare a partorire bensì per imparare ad ascoltare se stessi … e ad ascoltare insieme (in coppia) il bambino!