Hatha Yoga, fonte di salute e felicità

chakras-omino-nuovi corsiHATHA YOGA, FONTE DI SALUTE E FELICITÀ

La pratica dello YOGA trasforma il corpo e la mente dalla prima lezione in poi.

Negli ultimi anni la ricerca scientifica si è concentrata sugli effetti benefici dello YOGA per la nostra salute.

I benefici dello YOGA risultano evidenti fin dalle prime lezioni. Spesso chi si avvicina alla pratica è alla ricerca di maggior relax e in questo caso le ricerche confermano la riduzione dei livelli di stress come uno dei principali benefici dello YOGA, anche per merito delle tecniche di rilassamento e di respirazione che accompagnano gli ASANA.

Ecco alcune delle numerose trasformazioni positive a cui potrebbe andare incontro nel corso del tempo chi decidesse di avvicinarsi allo YOGA e di portare avanti una pratica regolare e costante per godere pienamente dei suoi benefici:

  1. Miglioramento delle funzioni cerebrali. Dopo 20 minuti di pratica di HATHA YOGA, basata soprattutto sugli ASANA, si può riscontrare un miglioramento delle funzioni cognitive, un aumento dell’attenzione e della memoria.

  2. Riduzione dei livelli di stress. Lo YOGA aiuta ad alleviare lo stress. Questo potere deriva anche dalla sua capacità di ridurre l’attività delle proteine, note per avere un ruolo nel processo infiammatorio, secondo uno studio pubblicato dai ricercatori dell’Università della California.

  3. Maggiore flessibilità. Uno studio condotto di recente presso la Colorado State University evidenzia che lo YOGA, aiuta ad aumentare la flessibilità delle spalle, della schiena e delle ginocchia. Secondo la stessa ricerca, contribuisce inoltre a sviluppare una maggiore resistenza e a ridurre il grasso corporeo.

  4. Nuove buone abitudini. Decidere di praticare YOGA ogni giorno, o comunque con cadenza regolare, aiuta a stabilire nuove abitudini sia verso la cura di sé, sia in altri ambiti della propria vita. Lo YOGA stimola la forza di volontà e il desiderio di migliorarsi con un impegno costante, insegna a non essere troppo rigidi con se stessi, ma allo stesso tempo a non lasciarsi andare alla pigrizia, a riconoscere i propri limiti e a capire come superarli nel caso in cui sia necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *