Bhakti Yoga (I)

exploring-inner-peace-an-exercise-from-the-bhagavad-gitaQuale potrebbe essere una definizione di Bhakti Yoga? Eccola.. la più semplice.. il Bhakti Yoga è una delle vie che conduce all’unione assoluta con il divino. Ciò che sento però è che non è esattamente così. Esso non è una via che conduce a.. Il Bhakti Yoga è la via.

Quello che intendo è che esso include in se tutti gli altri tipi di yoga.. Il karma-yoga, l’hatha-yoga, lo jnana-yoga, il kundalini yoga.. Ognuno di essi è un aspetto di un percorso spirituale che può arrivare al suo pieno compimento solo se di fondo avviene in noi il completo abbandono. L’abbandono in cui, finalmente, si è liberi di amare. L’abbandono in cui il corpo è diventato solo un involucro, la mente si è svuotata e resta solo il cuore a riempire con i suoi battiti ed il suo immenso calore il nostro intero essere. In questo stato è lui che comincia a guidarci in ogni nostra azione ed è lui che ci consente di vedere e comprendere in profondità le situazioni che viviamo, in cui la realtà di ogni cosa viene a galla.. Senza l’amore incondizionato, tutte le vie che si perseguono rimarranno incomplete, mancherà sempre quel tassello che è la chiave di tutto.

Questo è Bhakti Yoga…. smettere di resistere a Dio….

Come ci insegna la Bhagavad Gita, la quale dedica un intero capitolo al Bhakti Yoga, : ”Perché la conoscenza è superiore alla pratica costante, la meditazione è superiore alla conoscenza; ma ancora meglio della meditazione è la rinuncia sincera e devota ai frutti delle proprie azioni: questa è la rinuncia che conduce alla vera pace.” 

Ancora più in alto della meditazione, molto più in alto..Quando arriva il momento in cui rinunciamo all’attaccamento e al perverso piacere verso le azioni che compiamo e le dedichiamo a Dio e non più al nostro ego – a noi stessi – .. allora le resistenze cadono.. e rimane solo il nostro vero e profondo essere e l’incondizionata devozione all’Amore Divino. La più grande spiegazione di ciò che significa la vera rinuncia.. Sta in queste parole.. così sincere e piene di adisegnobbandono.. di Gesù Cristo:Io non posso far nulla da me. Giudico come Dio mi suggerisce, e il mio giudizio è giusto perché NON CERCO DI FARE COME VOGLIO IO, MA COME VUOLE IL PADRE CHE MI HA MANDATO”. Continua:Colui che non è ostile ad alcuna creatura, che è capace di amorevolezza e di compassione, che è libero dall’egoismo, equanime nella gioia e nel dolore, tollerante, soddisfatto, risoluto, equilibrato, con la mente l’intelletto rivolti a me, in pace con me, che mi è devoto, questi mi è caro. Colui che non disturba il mondo e non può essere disturbato dal mondo; colui che è libero da gioia, dolore, paura, ansia, questi mi è caro.”

Questo del Bhakti Yoga è un percorso che ti mette profondamente alla prova ponendoti di fronte a tutti i tuoi limiti.. Ti rendi conto che non sei capace di amare tutte le creature – umane, animali, vegetali – , che ti stai solo prendendo in giro se lo credi. Perché amare tutti gli esseri significa rispettarli nella loro essenza, nel loro essere vivi, nel loro essere qui, con te, insieme a te a partecipare al gioco della vita. Amare non significa usarli per i propri interessi personali e per soddisfare le proprie voglie. Essere capaci di amorevolezza e compassione significa entrare in empatia con ogni creatura, sentendola per quella che è e non per come siamo abituati a vederla o per come siamo abituati a vederla attraverso i racconti degli altri. Amare significa smettere di avere paura, amare significa smettere di ricercare gioie momentanee.

Quando, dopo aver compreso in profondità, ti incominci ad elevare al di sopra di tutte queste limitazioni mentali, materiali, insensate, stai praticando il Bhakti Yoga. E così la gioia come il dolore, la paura come l’ansia.. si dissolvono.. E li.. cominceremo ad essere veramente liberi. Ma ancora più cari mi sono coloro che seguono questo dharma (dovere) immortale così come l’ho esposto, che a Me sono devoti e pieni di fede, che hanno Me come fine supremo.”

L’aspetto più profondo di questo cammino si trova proprio nell’essere devoti e pieni di fede. E’ qualcosa che deve crescere di pari passo con l’espansione dell’amore altrimenti ad un certo punto ci si arresta. E se non si riesce ad essere completamente devoti e fiduciosi prima di tutto verso una persona, è difficile riuscire ad esserlo per Dio, l’Universo, la Vita. E’ questo il regalo più grande di un Maestro verso il suo allievo.. Quello di aprirgli le porte ad un amore più grande, una fede più grande, una devozione più grande; l’allievo, attraverso il grande amore per il suo Maestro, ha veramente l’opportunità di comprendere cosa sia l’amore incondizionato.

L’amore incondizionato ti riempie talmente tanto che i tuoi occhi si riempiono di lacrime e sai che quel sentimento è la luce che ti guiderà sempre e che non ti lascerà mai, è un amore palpabile, vivo e vero, non c’è niente di più vero perché l’intera tua Anima ne è pervasa e il tuo petto è caldo, lo senti. Rivolto verso il Maestro, quest’Amore poi si espande e abbraccia l’universo intero e ti rendi conto che quell’universo è Dio e che in questo stato puoi veramente sentirlo ed essere guidato.

Il Maestro è il tramite. Ogni sua azione porta l’allievo ad un continuo confronto con se stesso e, se si è disposti a mettersi in gioco e ad accogliere con umiltà a amore ogni messaggio che egli ci manda, si ha veramente la possibilità di crescere spiritualmente fino ad entrare in contatto con Dio.

Così possiamo concludere.. dicendo che il Bhakti Yoga porta al sacrificio di sé.. il sé con la “s” minuscola.. Quello egoista ed individualista, il quale, talmente preso dai suoi continui ed incessanti pensieri, vive completamente separato dagli altri esseri e dal mondo intero.. il sé che è alla continua ricerca del controllo di se stesso e degli altri, che li usa e non ne sente il vero collegamento…

Quando, attraverso l’Amore, si riuscirà veramente a sentire che ogni creatura, dalla più piccola alla più grande, è in noi come noi siamo in lei.. E si percepirà questo profondo collegamento e relazione tra noi e tutto ciò che ci circonda, costantemente…

“Quello che troveremo è.. Pace, chiedilo al cuore, cerca nell’amore, stringi tra le braccia la tua fede”

Alice Rossetti –  insegnante yoga

  1. Ivo

    Very good to me and we can talk more easily

    • Roberto Angelo Stefano

      Grazie Ivo…. puoi parlare in Italiano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *